I libri degli ultimi vent'anni
Mille fili mi legano qui

Mille fili mi legano qui

Mille fili mi legano qui. Vivere la malattia. Roma: Laterza, 2006.

ATTENZIONE!:Il libro è stato appema ristampato (febbraio 2018) dall'editore Laterza.

Tradotto in francese (Vivre la maladie. Ces liens qui me rattachent à la vie, De Boeck, Bruxelles, 2008), in portoghese (Mil amarras me prendem à vida. (con)vier com a doença. Quarteto, Coimbra, 2007) e polacco (Tysiące nici mnie tu wiąże. Jak żyć z chorobą. Wydawnictwo Academii Pedagogiki Specjalnej, Warszawa, 2008).
Una lucida testimonianza e, insieme, una riflessione scientificamente rigorosa su come realizzare una vita piena con la malattia cronica, in mezzo alle mille contraddizioni della nostra società.
Dal libro: “Ho ritenuto di cercare di fondere insieme la conoscenza teorica con l’esperienza personale, la scienza e la testimonianza, e non solo per una questione di onestà. Mi è sembrato che solo questa fusione consentisse di esaminare davvero la malattia nei suoi infiniti aspetti, che solo il malato può conoscere, e di andare, nello stesso tempo, oltre la propria personale e irripetibile esperienza.”

Indice
Perché questo libro VII
I
Sani e malati: uguali e diversi 5
Oltre il mito della salute perfetta 9
Attori del proprio sviluppo 13
Attori del proprio sviluppo nella malattia cronica 17
II
Perché proprio a me? 23
Trovare un senso 26
Ricostruire l'identità 31
Il sentimento di autoefficacia: l'esercizio
del controllo 35
Lo stress 40
Affrontare lo stress 44
III
Tutta colpa sua 51
Il dolore 55

La stanchezza 59
La depressione 63
La perdita e il lutto 68
L'ottimismo e la felicità 71
Pensiero logico e pensiero magico 76
Raccontare la propria malattia 82
IV
La relazione terapeutica 89
La fiducia 93
L'empatia 97
Il malato tra logica statistica e logica clinica 101
Le medicine alternative 106
La riservatezza 112
V
Noi e gli altri 119
Tra visibilità e invisibilità 123
La solitudine 127
Gli affetti 130
Il lavoro 135
La vita e la morte 139
Bibliografia 145

Note Legali

Contatti 

Il sito è di proprietà di Silvia Bonino, che lo aggiorna e gestisce autonomamente. E’ fatto pertanto divieto di copiare, modificare, caricare, scaricare, trasmettere, pubblicare, o distribuire per se stessi o per terzi per scopi commerciali il contenuto del sito se non dietro autorizzazione scritta di Silvia Bonino.

Silvia Bonino